Lo scaffale di Qualità

0

scaffale01

IL PROJECT MANAGEMENT SECONDO LA NORMA UNI ISO 21500

Autore: Pier Luigi GUIDA
Edizione: 2015
Editore: FrancoAngeli, Milano
Pagine: 400
Prezzo: 45,00 €
È il primo libro pubblicato sulla materia da uno dei massimi esperti del settore; è utile sia per il conseguimento delle qualificazioni di project management sia per tutti i professionisti e studiosi che si dedicano alla direzione ed alla gestione dei progetti. Il manuale è un compendio moderno e multidisciplinare per l’introduzione alla disciplina secondo la norma UNI ISO 21500, destinata a divenire sia base di certificazione di persone e organizzazioni, sia “lingua comune” del project management a livello internazionale. Il volume approfondisce e commenta la norma UNI ISO 21500 seguendone l’indice ed ampliando gli argomenti che costituiscono i riconosciuti fondamenti e le “best practice” dei principali riferimenti internazionali: PMBOK, IPMA e PRINCE2. Il testo – presentato da Miles Shepherd – si apre con la descrizione dei concetti e l’analisi dei processi costituenti il quadro di riferimento della materia ed è completato da un’appendice e da diversi allegati. Articolazione: 1. La norma UNI ISO 21500; 2. introduzione, scopo e glossario; 3. Concetti di P.M.; 4. processi di P.M.; 5. Relazioni fra Gruppi di processi e Gruppi Tematici; . appendice (progetti agili e snelli) e bibliografia.

scaffale02

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE E APPRENDIMENTO PERMANENTE UNA PLURALITÀ DI DISCORSI

Autore: Maria Grazia BALDUCCI e Simona MARCHI
Edizione: 2014
Editore: Carocci Editore, Roma
Pagine: 151
Prezzo: 16,00
Il volume sviluppa una riflessione plurale sulla tematica della certificazione delle competenze e sul ruolo che questo dispositivo può svolgere per la valorizzazione della persona in una prospettiva individuale, sociale, civica e occupazionale. Nel trattare il tema viene ricordato che i suoi obiettivi (così come il processo) non sono né neutri, né privi di impatto sugli esiti che producono. Le riflessioni e i discorsi svilupati consentono di tenere conto di una maggiore consapevolezza sulle caratteristiche degli approcci attraverso i quali si contribuisce alla produzione sociale delle competenze. Nel testo vengono presentate le specificità dalle diverse angolature Articolazione: 1. certificare le C e apprendimento; 2. Repertorio unico nazionale delle qualificazione e delle C; 3. sistemi e servizi di certificazione delle C e validazione apprendimento non formale e informale; 4. Le C: motore per l’innovazione delle imprese; 5. riconoscimento delle C per valorizzare il lavoro; 6. Il valore della certificazione delle C nella formazione; 7. valutazione degli impatti dei piani formativi; 8. tra C individuali e fabbisogni delle imprese; 9. piano “Metamorfosi”.

scaffale03

L’IMPRESA FELICE LA RESPONSABILITÀ SOCIALE COME IMPULSO ALLA CRESCITA

Autore: Renata BORGATO
Edizione: 2014
Editore: FrancoAngeli, Milano
Pagine: 92
Prezzo: 13,00 €
È un libro molto utile perché cerca di individuare un quadro di regole necessarie per definire un nuovo patto tra impresa e lavoratori di reciproco interesse. Infatti, il modello su cui si fonda l’attuale assetto della società sta mostrando cedimenti rispetto al passato su diversi versanti, dalla coesione della famiglia alla crisi del mondo del lavoro si lavora in modo diverso e si aspira ad una vita diversa. La cultura che orientava i rapporti sociali, politici, economici e personali sembra non riuscire più a dare schemi di interpretazione e di riferimento per quanto accade. Il potere di indirizzamento dei corpi intermedi dello stato sembra appannato e lascia liberi degli spazi. Nei momenti di transizione quando i vecchi modelli vanno a pezzi se ne devono costruire di nuovi, quando i riferimenti si dimostrano inadeguati a far fronte alle situazioni del momento che se ne devono individuare altri. Andrebbe quindi individuata nell’impresa il soggetto adatto a guidare il “processo di cambiamento” diventando quel punto di riferimento che i tradizionali attori sociali non sono più in grado di essere. Questo soggetto potrebbe essere individuato nell’impresa: non a caso il lavoro è sempre stato uno degli elementi strutturanti la società. Cercare nell’impresa un punto di riferimento per la società non è una cosa inedita: si tratta di una strategia che più volte nel passato si è dimostrata vincente.

Share.

Comments are closed.